Il primo sito italiano dedicato all'arte del Boxed Diorama
Anthony Tedesco (webmaster di questo sito)
Ristrutturazione di un vecchio Boxed (del 1993) che utilizava lampadine ad incandescenza e 220volt con sistema LED/batterie.
Per informazioni inviate email alla casella boxdiorama.italia@gmail.com
Ho costruito questo diorama nel 1993. E' stato il primo boxed con cui ho partecipato ad un concorso: mostra internazionale di Cuneo ottobre 1993. All'epoca facevo parte dell'ALFA Model e nell'occasione ho fatto anche il "traghettatore" portando altri modelli del club nella città piemontese.
Mi sono piazzato primo nella categoria "diorami".
La chicca di questo boxed era dato da un walkman portatile a nastro, precursore degli attuali MP3. Alla pressione di un pulsante sul laterale della scatola si attivava il walkman riproducendo una brano del compianto Lando Fiorini. Forse questa "trovata" mi ha aiutato a vincere il premio, fatto sta che ho portato a casa questo risultato con soddisfazione.
Passati gli anni (ben 24...!) la tecnolgia si è evoluta. Il walkman chissà dov'è andato a finire (non funzionava nemmeno più) e le luci all'interno non si accendevano. Aprendo il box ho scoperto che la lampadine erano fulminate. Dove trovi oggi lampadine da 6-9-12 volt ad incadescenza ? Oltre a questo il trasformatore 220-12v produceva troppo calore!
Così ho deciso!
DEVO rimodernare il sistema d'illuminazione!
Nella foto qui in basso si vede il sistema originale: lampadine ad incadescena e trasformatore 220-12 volts più una serie di morsetti ed un interruttore sullo sfondo.
Ecco la raccolta dei componenti per l'impianto di illuminazione ANTICHI: trasformatore 220-12volts, interruttore a lamelle, lampadine con zoccolo filettato da 12 volts, lampadina  ad incandescenza "a siluro" da 12 volts, morsetti, fili elettrici che non si trovano più nelle ferramenta perchè considerate pericolose per la loro sezione di filo troppo piccola.
Componenti MODERNI: batterie piatte da 4,5 volts, sezioni di strisce LED, diodi LED di varie colori con le opportune resistenze, mini-diodi LED, filo elettrico a norma (anche se la tensione di questo impianto non supera i 12 volts, è meglio stare sul sicuro)
Per prima cosa pulisco i contatti delle sezioni delle strisce LED e saldo dei fili calcolando la lunghezza in base loro posizionamento dentro il diorama.
COS'E' UNA STRISCIA LED?
Le strisce LED sono un insieme di diodi LED, ovvero di componenti elettronici che se alimentati da una tensione emettono luce. I LED delle strisce sono saldati su una base flessibile (fig.A) che svolge la funzione di supporto e di collegamento elettrico. In genere ogni 3 LED (fig. B) compongono una unità indipendente che si posso tagliare dalla striscia (freccia rossa) e alimentare separatamente (freccia verde) con 2 o 3 batterie piatte da 4,5v per fornire 9 o 13,5 volts.
Un'impianto di 3 batterie così messe possono permettere di tenere acceso 3 unità per 72 ore continuativi: abbastanza per qualunque concorso!
Si trovano in tutti i negozi di bricolage o presso "i cinesi": due metri di striscia per € 16,00
Fig.A
Fig.B
Applico il mini-LED dentro il lampione e faccio passare i sottili cavi dentro il fusto forato. Metto un diodo LED bianco caldo dietro la finestra visibile alla destra dell'osteria. Questa finestra è coperta di carta velina per far risaltare l'ombra della figura posto dietro. 
Sul soffitto fisso con biadesivo Pattex le due sezioni della striscia che dovranno illuminare l'interno dell'osteria e la strada. Ho messo un filtro giallo davanti per dare un'atmosfera di ambiente pieno di fumo (non si vede in foto, ma c'è.....garantisco!!)
Le sezioni della striscia LED  sono alimentate da 3 batterie da 4,5 volt cadauno per un totale di 13,5 volts. Le strisce hanno bisogno di 12 volt ed il volt e mezzo in più mi garantisce più durata. In altri diorami ho messo 3 batterie così: due in serie (quindi 9 volt) e una terza in parallelo (aumento di amperaggio). Così garantisco che il sistema rimane acceso per 5 giorni continuative
Le due pile stilo da 1,5v cadauno alimentano il micro-LED ed il diodo LED.
Nel caso di due tensioni diverse (13,5v e 3v) per chiudere i circuiti in modo indipendente l'uno dall'altro si utilizzano interruttori a doppio bilanciere. Nella foto sotto si vede uno particolare che può chiudere/aprire entrambi circuiti assieme oppure uno si e l'altro no. Reperibile online
Ecco il lavoro di ammodernamento terminato.

Per una questione di orgoglio personale, non m'iscriverò a nessun altro concorso con questo antico Boxed Diorama!
WYSIWYG Web Builder
Hostaria Romana. 1820 circa.